Produzione additiva

Esecuzione ordinata dei processi - strati omogenei, privi di pori e spaccature - efficacia ottimale

Procedura

Lo strumento principale della produzione additiva è una testina di stampa mobile, dotata per lo più di un laser e di un ugello con polvere metallica o di un filo di alimentazione. Questa testina di stampa viene portata sopra una piattaforma di costruzione, su cui va ad applicare la polvere metallica o il filo sciogliendoli brevemente con l'aiuto del raggio laser. Applicando il successivo strato di materiale una volta raffreddato quello sottostante, ecco che un po' alla volta viene costruito il componente desiderato esattamente secondo lo schema di costruzione tridimensionale. Il principio tecnico corrisponde in pratica a quello della saldatura a riporto, con la differenza che gli strati prodotti hanno una forma tridimensionale anziché piatta.

Vantaggi del laser a diodi

Il profilo del raggio "Top Hat" dei laser a diodi Laserline genera bagni di fusione molto uniformi, garantendo quindi un'esecuzione ordinata dei processi e portando alla creazione di rivestimenti omogenei e privi di spaccature.